PlayStation VR su MondoPlay">

Life is
Play!

MondoPlay

home
Harmonix Music VR
copertina

Recensione - Harmonix Music VR

Noti principalmente per le serie di Guitar Hero e Rock Band, i ragazzi di Harmonix sono dei veri entusiasti della musica "interattiva" e grandi sperimentatori delle nuove tecnologie. Non è un caso quindi che si siano buttati a pesce sulla realtà virtuale, supportando il lancio di PS VR con il singolare Harmonix Music VR. Ecco di cosa si tratta.

Il Gioco

Come diversi titoli usciti al lancio di PlayStation VR, Harmonix Music VR è costituito da una raccolta di "esperienze" mirate a farci vivere alcune delle potenzialità della realtà virtuale, ma stavolta il filo conduttore è la musica: gli statunitensi Harmonix sono infatti maestri nella realizzazione di giochi che fondono grafica, interazione e musica, e le quattro modalità presenti nel loro nuovo titolo cercano di mettere in pratica questa esperienza nei mondi virtuali. Ognuna di queste prevede, prima dell'avvio, la selezione della playlist da un elenco di tracce di musica elettronica - alcune tratte dalle colonne sonore dei titoli dello stesso studio Amplitude e A City Sleeps, altre provenienti da artisti vari che, ammetto, non avevo mai sentito nominare. Cosa più importante, però, è possibile inserire nel gioco le proprie canzoni in formato MP3, opportunamente caricate tramite una chiavetta USB connessa alla console (ricordatevi però di metterle in una cartella chiamata "music", altrimenti non funzionerà).


La prima modalità, "La Spiaggia", non è altro che un viaggio virtuale su una sorta di spiaggia tropicale aliena dal design poligonale molto stilizzato: davanti a noi troviamo il mare, un'isola ed un cielo ricco di pianeti, mentre la musica di sottofondo viene sottolineata da un'aurora boreale che danza seguendo il ritmo. L'ambiente presenta diversi elementi interattivi che, semplicemente inquadrandoli con un puntatore legato ai movimenti della nostra testa, ci permettono di "raggiungerli" dando vita ad esplosioni di colori, fiori danzanti, lanterne o meduse poligonali fluttuanti, il tutto rigorosamente a tempo di musica. E' un'esperienza puramente esplorativa, non c'è interazione oltre alla selezione dei vari elementi dell'ambiente e lo scopo è semplicemente godersi la musica immergendosi nei vari ambienti, scoprendo in che modo rispondono ai vari ritmi.


MP Video - Harmonix Music VR

Dello stesso tipo è la modalità "Il Viaggio", nella quale l'interazione è addirittura azzerata: questa modalità non è altro che un enorme tunnel-caleidoscopio 3D che ci circonda con le sue forme simmetriche che si muovono a tempo di musica, cambiando continuamente conformazione e colori, introducendo effetti speciali e forme d'onda danzanti. In pratica nient'altro che la versione VR dei classici visualizzatori musicali.


Di tutt'altra risma è invece "Il Cavalletto", un vero e proprio software di disegno 3D che ci vede usare i controller Move come pennello e tavolozza: con il controller sinistro possiamo visualizzare i vari tipi di pennelli e di forme disegnabili, che selezionati col controller destro possono poi essere "pennellati" nello spazio virtuale davanti a noi con la possibilità anche di ruotarli, allontanarli e avvicinarli. I pennelli sono dei tipi più disparati, dando vita a forme elicoidali, cilindriche o simili a cristalli che crescono lungo il tracciato che disegniamo col controller, ma sono presenti anche cubi, sfere, toroidi e altre forme da piazzare nello spazio, oltre a speciali pennelli luminescenti che ripetono in loop i movimenti fatti con la mano. E la componente musicale, in tutto questo, dove sta? Semplice, tutte le forme disegnate e gli oggetti posizionati nello spazio pulsano e si muovono a tempo di musica, sottolineando così la traccia che suona in sottofondo.


L'ultima modalità è infine "Dance Party", che ci vede agire su una pista di ballo con una serie di buffi ballerini - figure che sembrano uscite da una versione distorta dei cartoni Looney Toons - completamente immobili. Il nostro scopo è farli ballare, e per far ciò possiamo "agganciarne" gli arti con i controller Move e muoverli ritmicamente come marionette: questi continueranno ad eseguire gli stessi movimenti dopo che li abbiamo lasciati, dando vita così ad improbabili balli dove muovono ossessivamente braccia, gambe, testa e busto. E' possibile anche riposizionare sia i personaggi che vari elementi dell'ambiente, o interagire con una console da DJ per scratchare sul disco e cambiare la velocità di riproduzione della musica, oltre ad impugnare una folle pistola che spara oggetti di tutti i tipi sulla pista da ballo.


Per provare tutte le esperienze non ci vuole più di una mezz'ora, ma il vostro tempo d'utilizzo del gioco dipende da quanto vorrete tornare a godere delle vostre musiche preferite nei mondi virtuali creati da Harmonix, o dalla vostra voglia di creare disegni tridimensionali sempre diversi nella modalità Il Cavalletto.


Amore

Il cavalletto

- La modalità più sorprendente e soddisfacente di Harmonix Music VR è sicuramente Il Cavalletto, che ci permette di vivere l'esperienza di creare pulsanti disegni 3D che seguono il ritmo della musica, con la possibilità anche di salvarli per recuperarli poi in seguito. Non sono una persona molto creativa né un grande disegnatore, ma mi sono ritrovato a passare molto tempo in questa modalità, sperimentando vari disegni, giocando con le molte forme e cercando di creare figure astratte. Immagino che i più creativi trarranno grandi soddisfazioni da quest'esperienza a metà tra disegno e scultura.


La mia musica nel mondo VR

- Personalmente non amo molto il tipo di musica elettronica presente in Harmonix Music VR, inoltre la ventina di tracce disponibili non offre certo una grande scelta e varietà; ottima quindi la possibilità di riprodurre le nostre tracce MP3 tramite chiavetta USB.


Odio

Solo un assaggio

- Harmonix Music VR soffre purtroppo della stessa sindrome da tech demo che affligge fin troppi giochi per PS VR: si tratta di un'esperienza estremamente contenuta, con pochi contenuti e nella quale gli sviluppatori non hanno sviluppato a sufficienza le loro idee. La Spiaggia e Il Viaggio sono semplici visualizzatori musicali 3D sempre uguali, che probabilmente non vorrete più riutilizzare dopo averli provati un paio di volte; Dance Party non è troppo appassionante o interessante, e l'unica modalità davvero valida finisce per essere Il Cavalletto, che comunque risulta essere molto basilare come editor senza strumenti come la selezione/clonazione di oggetti o la modifica dei colori. Insomma, solo un accenno del potenziale che Harmonix avrebbe potuto infondere in questo titolo.


Tiriamo le somme

Nonostante le ottime capacità del team Harmonix, Harmonix Music VR finisce per essere un grande "vorrei ma non posso", con pochi contenuti/esperienze delle quali solo una risulta davvero interessante. Il prezzo non è comunque altissimo e se siete amanti della musica e possessori di PS VR potreste volergli dare un'occhiata, ma consiglio comunque di attendere che sia sufficientemente scontato su PSN.
5.0

c Commenti


L'autore

Classe '72, dall'animo geek e appassionato da sempre di videogiochi e informatica, inizia nel 2002 un'avventura da insider nel mondo dei videogiochi partendo con la concorrenza ma maturando sempre più interesse per il mondo Playstation. Nel 2013 decide finalmente di aprire MondoPlay, con l'obiettivo di farlo diventare il sito di riferimento per tutti gli amanti italiani della console Sony.

c

Commenti

i Le recensioni di MP esprimono il punto di vista degli autori sui titoli provati: nelle sezioni "Amore" ed "Odio" sono elencati gli aspetti positivi e negativi più rilevanti riscontrati nella prova del gioco, mentre il voto ed il commento conclusivo rispecchiano il giudizio complessivo del redattore sul titolo. Sono benvenuti i commenti e le discussioni tra chi è d'accordo o in disaccordo con tali giudizi, ma vi chiediamo di prendere atto del fatto che si tratta di valutazioni che non hanno pretesa di obiettività nè vogliono risultare vere per qualsiasi giocatore. La giusta chiave di lettura per le nostre recensioni sta nel comprendere le motivazioni alla base dei singoli giudizi e capire se possano essere applicate anche ai vostri gusti personali.
Importante: leggere il regolamento dei commenti prima di partecipare alle discussioni. Aggiungere un commento equivale ad un'implicita accettazione del regolamento.
commenti by Disqus